L’obiettivo è quello di una istruzione continua, in cui, con una reciprocità di apporti e contributi, scuola pubblica, università della terza età, amministrazione comunale costruiscono un percorso di formazione umana e culturale che permetta a tutti di affrontare i nuovi scenari della globalizzazione.

Le strutture dell’istruzione pubblica

Completamento della messa a norma di tutti gli edifici scolastici già in fase di attuazione da parte della uscente Amministrazione; manutenzione continua e sistematica degli stessi per dare agli studenti ambienti sani , accoglienti e sicuri. Razionalizzazione di tutti gli spazi scolastici cittadini investendo nei cortili quali luoghi di naturale aggregazione.
Rivisitazione dell’ipotesi di costruzione del nuovo polo scolastico sia alla luce dei cospicui costi che comporta, sia in una ottica di non allontanare le scuole dai luoghi di vita cittadina.

Attività culturali, nuovi linguaggi e associazionismo

Idea fondamentale è che la cultura a Porcia debba articolarsi in un continuum territoriale di piccoli eventi e grandi eventi che coinvolgano e raccordino, di volta in volta, tutte le istituzioni e le realtà culturali pubbliche e private presenti nella città (biblioteche scolastiche e comunale, associazioni, ecc.), con uno sguardo di favore verso quelle iniziative capaci di portare persone di altri paesi
Un ruolo importante andrà riconosciuto all’associazionismo culturale, sottraendo le sue iniziative anche in questo caso alla frammentazione e all’occasionalità e sostenendone la progettualità laddove sia in grado di elaborare iniziative valide e originali, soprattutto se capaci di attrarre giovani di altri paesi.
L’impegno dell’assessorato competente in tema di attività culturali dovrà mirare:
  1. in primo luogo a promuovere la conoscenza da parte dei cittadini dell’identità storica, culturale ed ambientale della città;
  2. in secondo luogo a favorire il dispiegamento delle potenzialità di soggetti singoli e associazioni, anche di respiro provinciale, in un’ottica di sinergie e proficua calendarizzazione degli eventi, valorizzando in questo senso il ruolo della proloco.

Con riferimento alle nuove tecnologie informatiche, l’Amministrazione Comunale dovrà raggiungere i seguenti obiettivi:

  1. Alfabetizzazione informatica;
  2. Diritto alla fruibilità dell’informazione digitale.