No Comments

Buongiorno a tutti,
con l’intervento di ieri sera al dibattito proposto dal circolo SEL “Thomas Sankara” presso la sala della Regione, ho dato avvio alla campagna elettorale per la mia elezione a sindaco del mio comune, Porcia.
Riporto di seguito quanto ho detto.

Buonasera a tutti sono Barbara Ababio ho 22 anni, nata a Palermo ma di origini ghanesi, candidata Sindaco di Porcia.

Una candidatura, la mia, che mi è stata proposta dalle amiche e dagli amici impegnati per la nascita del circolo “Thomas Sankara”.
Un circolo, prendo in prestito la definizione di una cara persona, che rappresenta una spina che si attacca alla presa per fare luce .
E quella luce serve per illuminare tutti noi, una spina che ci fa da tramite, aprendoci le porte, aiutandoci a essere informati ed a metterci in gioco in primo piano.

E’ ora di “decolonizzare” la nostra mentalità dall’ignoranza, dalla superficialità e dalla staticità.

E’ importante ottenere la cittadinanza, e molti di voi sono giustamente qui anche per questo, ma altresì importante la consapevolezza della cittadinanza con la quale acquisiamo il diritto di partecipazione in ogni campo della vita del nostro Paese.

Ed è questa l’opportunità che mi è stata data dal circolo Thomas Sankara con la mia candidatura che vuol essere un punto di rottura, un richiamo alla nuova generazione, a noi che prenderemo le redini di questo Paese e che per l’Italia rappresentiamo il futuro.

Oggi siamo qui per dare voce ai nostri diritti, di donne e di giovani, di persone di pelle nera e di religioni diverse, vogliamo che si riconosca la pienezza dei nostri diritti civili e politici.
Rimuovendo gli ostacoli per godere dei migliori frutti del nostro paese.

Permettetemi ora una riflessione a cuore aperto sulla parola “straniero”.

Straniero è divenuta nel nostro contesto quotidiano una condizione mentale che porta le persone a sentirsi fuori luogo.

E` vero che molti di noi non sono nati in Italia, ma vorrei farvi capire che pure l’italiano è straniero nel suo paese.

Sono straniero quando mi arriva la bolletta a casa e su quattro fogli vedo solo la cifra di 500-600 euro.

Sono straniero quando non partecipo alla vita scolastica di mio figlio o figlia.

Sono straniero quando uso la mia diversità e mi auto-convinco di non fare parte della società e quindi non mi importa della vita politica, sociale, culturale del paese in cui vivo.

Essere straniero è tutto questo, dove ogni cosa gira intorno al passaporto, passaporto d’ignoranza.

E`l’ora di un rinnovo della mentalità .

Essere cittadino non inizia dall’essere riconosciuti su un foglio di carta, ma ciò che importa è l’essere partecipe nella società in cui si vive pensando sia allo sviluppo personale ma anche allo sviluppo del paese.

Insomma, c’è bisogno di partecipazione e grazie al circolo Thomas Sankara io dico che voglio partecipare e voi??

Io spero proprio di si e vi invito ad andare sul mio sito per arricchirlo di idee e di proposte e per segnalarmi la disponibilità concreta ad appoggiarmi in questa bella avventura di candidata a Sindaco di Porcia.

Pensateci, parlatene, attiviamoci!

Grazie dell’attenzione.

Commenti (0)

Non essere timido e commenta per primo questo articolo.

Lascia un commento